Ortigia 1664 - Siracusa era

Vai ai contenuti

Menu principale:

Ortigia 1664

Disegno dell’incisore Willem Schellinks –Siracusa- Novembre 1664 realizzato per il principe Eugenio d’Olanda su incarico del collezionista Laurens Van Der Hem... (altre notizie su LA Sicilia del 7 Maggio c.a.!! Interessante intervista con ANSELMO MADEDDU.)

disegno realizzato con vista prospettica dalla scogliera orientativamente: zona piazza Santa Lucia-Via Cimone- Svetta la torre campanaria del Duomo di Siracusa (secondo fonti storiche la torre era posizionata al centro dell'attuale pronao del Duomo), vedi disegno sotto
In alto a destra potrebbe essere il tempio di Giove (licenza poetica dell'autore)
in basso a destra sembrerebbe il tempio di Apollo-
La casetta in primo piano potrebbe essere la dogana più o meno il caposaldo oggi all'interno del cortile della case popolari di piazza santa lucia. (vedi foto sotto)


rielaborazione Ermanno Adorno Maggio 2017


una foto panoramica anni 20 dalla stessa visuale






una mappa del 1542 dove si può riconoscere il duomo con la torre campanaria che svetta su tutto. Si riconosce la forma nel disegno allegato



la torre campanaria del Duomo di Siracusa crollata definitivamente in seguito al terremoto del 1693 (secondo gli storici danneggiata e ricostruita nel 110 e poi nel 500 dopo il crollo della campana)



qui la facciata del duomo in un disegno di autore ignoto pare uno degli uomini di Nelson, che non vide di persona la Cattedrale, ma che per aggiungerla alla collezione dei suoi disegni, se la fece descrivere per poi disegnarla e trasformarla in un'opera neogotica. In realtà è la stessa facciata di di oggi esistente all'epoca. Non si conosce il motivo che impedì all'autore di visionare di persona. O era ammalato e rimase a bordo, o si divise dalla flotta per qualche motivo. Mentre Nelson fu ospite a Palazzo Beneventano, quando approdò con la sua flotta a Siracusa, prima e dopo aver sconfitto le navi di Napoleone Bonaparte nelle acque di Abukir. Il disegno è stato fatto al'incirca ne 1798. La nostra Cattedrale aveva già la nuova facciata e l'architetto Dumondier nel 1762 aveva aggiunto all'arcivescovado il secondo piano, ben visibile nel disegno.( commento di Rosario Andrea Lo Bello)


documento del 1542 - biblioteca Arcivescovole -


 
Torna ai contenuti | Torna al menu