L'albero dell'artista - arte e artisti

Vai ai contenuti

Menu principale:

L'albero dell'artista

GALLERIA SPAZIO 30
L’ALBERO DELL’ARTISTA
Dicembre 2015 inaugurazione 8-12 ore 18,30
Orari galleria
Tutti i giorni escluso il lunedì 18:00/20:30
Curatore mostra Mariola Tortorici
Allestimento Mariola Tortorici
Testo critico Salvatore Rapisarda
Progetto grafico e stampa Art Service - Siracusa


Nella mia immaginazione vuole rappresentare il trascorrere della vita. In questo caso: il pensiero, le immagini, le emozioni interpretate da ogni artista, diventano protagoniste del proprio spazio creativo. Non è una casualità che la mostra abbia questa tematica; è un modo che serva a congiungere quei significati ideativi al periodo concernente le festività del mese di dicembre.
Vuole essere anche di buon auspicio per un inesauribile lavoro artistico.
Punto focale della mostra, sono tutte le opere presenti in galleria che racchiudono importanti esempi del "bello" aprendo atmosfere realistiche surreali astratte, avvolte da armonie cromatico-tridimensionali. Complessivamente si definisce un mondo disegnato individualmente attraverso la pittura e la scultura utilizzando un linguaggio universale, sempre vivo nel tempo, "presente nel cuore e nella mente".
L’albero fonte di vita. Simbolo di natura in continua evoluzione, in ascensione verso il cielo. L'albero identificato nella sua forma verticale ci riporta all'idea di "cosmo vivente", mette in relazione i tre livelli naturalistici manifestati dalle radici, dal tronco e dai rami. Le radici che affondano nel sottosuolo della terra, nascita e sostegno vitale; il tronco che esprime la fermezza, la robustezza fisica terrena; i rami che si rivolgono al cielo e si articolano nella crescita geometrica, generatrice dell'essenza e della potenza; tesi e antitesi di discontinuità e regolarità. Nell'albero si riuniscono i quattro elementi, l'acqua che fluisce con la linfa; la terra che si integra nelle radici; l'aria che alimenta le foglie; il fuoco che si sprigiona dalla sua materia lignea. Immagine sempre presente nelle narrazioni dei testi sacri e del mito: l'albero di vita dell'Eden, l'albero dei pomi d'oro nel giardino delle Esperidi, "l'albero sefirotico" della Cabala, ricco di attributi simbolici legati ai significati della vita e della conoscenza.
L'albero nasce, cresce e muore, rappresenta la vita nella sua ciclicità universale.
Nell'arte moderna, l'albero è fonte iconografica dalle plurime forme, dall'albero di Van Gogh a Klimt con "l'albero della vita"; dalle stilizzazioni di Klee a Mondrian con "l'albero rosso"; gli artisti di ogni epoca, come tema principale o complementare, si sono cimentati nella rappresentazione del loro albero: spoglio, folto, ricco, nerboruto, essenziale, geometrico ma sempre albero come organismo vivente particolarmente vicino all'uomo nel suo essere e nel suo divenire biologico. Questa mostra ci offre l'eclettico panorama degli artisti aretusei e iblei nei diversi linguaggi che esprimono, nelle diverse forme, nelle diverse tecniche; ci presentano la loro interpretazione di questo atavico e affascinante tema iconografico e simbolico. Pittura, scultura e installazione si incontrano, una convivenza di rapporti visivi di immagini descrittive e introspettive, palesi e interiori, ove gli animi più sensibili potranno individuare i diversi percorsi, le diverse personalità di questi artisti, ognuno con il loro contributo, omaggio poetico al tema proposto dalla galleria d'arte Spazio30 di Siracusa. Un valore simbolico volto a ricordare e sottolineare, attraverso l'arte, quel momento così profondo, festoso e religioso, dell'ultimo periodo dell'anno. ( testo critico a cura di Salvatore Rapisarda)

Angelo Cortese

nasce a Siracusa nel dicembre del 1941. Studia presso la scuola d'Arte di Siracusa e l'Istituto Statale di Palermo. Dal 1960 frequenta per quattro anni il corso di sceno¬grafia presso le Accademie di Fi¬renze e Roma. Dal 1964 insegna decorazione pittorica presso l'Istituto Statale d'Arte di Siracusa e poi di ruoto presso l'Istituto d'Arte di Catania. Attualmente vive e la-vora nella sua città natale.

Angelo Cassia

siracusano, classe 1931. Ha studiato prima a Siracusa poi a Palermo, ha avuto come insegnanti: Ferri, Tortorici e Nocera. Ha insegnato discipline pittoriche presso l'Istituto Statale d'Arte di Siracusa, nei corsi regionali di addestramento professionale, mosaico e tecnica dell'incisione presso l'Accademia "Rosario Gagliardi" di Siracusa. Ha frequentato i corsi estivi di litografia a Salisburgo. Numerosa la partecipazione a mostre in Italia e all'Estero.

Mariola Tortorici

nata a Palermo ma siracusana d'adozione, negli anni '60 frequenta l'Istituto Statale d'Arte di Siracusa e ne consegue il diploma. Successivamente dopo gli studi di approfondimento relativi alla concezione artistica, si abilita all'insegnamento del Disegno e inizia la sua attività di docente presso l'Istituto Statale d'Arte di Siracusa ricoprendo per un lungo periodo la cattedra di Discipline Pittoriche e Progettazione. L'attaccamento al proprio lavoro viene costantemente consolidato dalla innata visione artistica che le ha permesso di partecipare a varie mostre di pitture. Dal 2011 possie¬de una sua galleria d'arte contemporanea "Spazio30" che le permette di estendere rapporti interpersonali con gli artisti nazionali e internazionali.

Mario Oddo

nasce a Modica nel 1947.Vive ed opera a Siracusa. Nel 1962 si trasferisce a Palermo. Qui, appena quindicenne, comincia a firmare le sue prime tele studiando i Maestri Impressionisti che certamente in¬cideranno profondamente sul suo stile, sulla scelta del colore e sulla sua vivacità espressiva. Negli anni 80 si trasferisce temporaneamente a Urbino, dove frequenta un corso di grafica all'Accademia di Belle Arti. Agli inizi degli anni 90 un breve soggiorno in Toscana gli consentirà di approfondire gli studi sui Macchiatoli. Diverse sono le sue mostre personali, ha partecipato a numerose rassegne d'arte, riscuotendo buoni consensi di critica. Molte sue opere si trovano in collezioni private, sia in Italia che all'estero.

Filippo Sgarlata

nasce a Siracusa nel 1944, studia decorazione pittorica presso l'Istituto Statale d'Arte di Siracusa dove consegue il diploma di Maestro d'Arte. Inizia la sua attività pittorica nel 1970, partecipando a rassegne nazionali ed internazionali. Numerose le mostre personali e collettive a Milano, Firenze, Catania, Carpi, Siracusa ecc... Collabora con la Galleria d'Arte "Quadrifoglio" di Siracusa, dove le sue opere sono in esposizione permanente.

Sesto Mammana

è nato a Siracusa nel 1946. Dopo gli studi artistici inizia l'attività pittorica, partecipando a mostre e rassegne d'arte in tutto il territorio nazionale. Dal 2000 nasce un sodalizio con la Galleria Quadrifoglio diretta da Mario Cucè. Insieme ad altri artisti fa parte di quel cenacolo culturale impegnato alla rinascita artistica di Siracusa.

Beppe Burgio

Nasce a Siracusa nel 1947 dove si diploma all'Istituto Statale d'Arte. Ha conseguito la laurea all'Accademia di Belle Arti di Firenze. Ha insegnato pittura presso l'I. S. D'Arte di Siracusa. Vive ed opera nella città natia. Ha realizzato mostre personali e partecipato a numerose collettive in Italia e all'estero.

Michele Alfano.

Nasce a Canicattini Bagni nel 1949. Ha insegnato Pittura presso l'Istituto D'Arte di Siracusa. Ha partecipato a numerose esposizioni: personali e collettive. È stato esponente della corrente transminimalista negli anni '80 che lo hanno portato dalla transavanguardia alla iconografia. Hanno scritto e parlato: Lidia Reghini di Pontremoli (ass.di Achille Bonito Oliva); Francesco Poli (critico d'Arte); Salvatore Sequenzia (semiologo); Salvatore Rapisarda (Architetto e cultore d'Arte)

Salvatore Li Puma

Pittore poliedrico, ha partecipato a numerose mostre di pittura. Ha inoltre evidenziato la sua visione artistica, anche in campo scenografico sia teatrale che televisivo e nel design del gioiello.

Atanasio Giuseppe Elia

è nato nel 1945 a Patrasso (Grecia). Nel 1964 insegna Discipline Pittoriche presso l'Istituto Statale d'Arte "F.Juvara" di San Cataldo e dal 1978 al 2004 ne diventa Dirigente Scolastico. Dal 1963 è presente in numerosi e significativi premi, rassegne nazionali e internazionali, e annovera nel suo curriculum parecchie mostre personali. Sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private. Alle sue opere si sono interessati vari quotidiani e riviste specializzate. Fa parte del Collettivo B.A.I. di Comiso ed è socio benemerito del Centro Nazionale di Grafica Italia Bianco-Nero di Arezzo. Dal 2005 si apre un periodo intenso e pieno di lavoro e si moltiplicano le mostre personali, ma anche collettive in particolar modo insieme al Collettivo B.A.I.. In seguito alla mostra svoltasi a Comiso (Rg) dal titolo "Una Scuola una generazione" il suddetto collettivo è presente ad un ciclo di mostre itineranti in numerose città d'Italia. Recentemente ha partecipato:

Giuseppe Forzisi

(Siracusa, 1948) è un artista visivo che si esprime nell'ambito della scultura, della pittura e del disegno come supporto progettuale e poetico. Il suo lavoro lo porta a sconfinare nello spazio con l'installazione dando forma a figure e assemblando diversi materiali. Si forma nel clima artistico e culturale degli anni Sessanta e Settanta attraverso la frequentazione delle mostre romane dedicate all'arte povera e all'arte concettuale, dove studia la produzione artistica di quegli anni, il linguaggio delle avanguardie e ne trae suggestionie stimoli per lo sviluppo di un progetto personale. Dopo il breve soggiorno romano, legato agli anni giovanili della ricerca, ritorna a Siracusa, la città natale, dove attualmente risiede, La mostra "Luminosa", presentata nell'aprile 2014 alla Galleria Quadrifoglio di Siracusa, con un testo critico dì Giuseppe Carrubba, rappresenta un aspetto della recente progettazione poetica ed estetica dell'artista.

Giuseppe Pravato

nasce a Guarda Veneta (Rovigo) nel 1955. All'età di 12 anni è già a bottega presso Cesare Zancanaro, scultore poliedrico operante a Rovigo alla fine degli anni '60. Frequenta quindi l'Istituto d'Arte di Padova e poi l'Accademia di Belle Arti di Venezia, dove apprende le tecniche fondamentali e conosce a fondo i principali materiali della scultura sotto la guida del Maestro Alberto Viani. Degli anni '70 sono i suoi viaggi lungo le strade d'Europa e d'Oriente - India soprattutto - che lo porteranno infine a Siracusa, in Sicilia, città vissuta come seconda patria, luogo definito come ideale per vivere e lavorare. Nella sua scultura vi è l'implicito dell'arte come trasmissione iniziatica, una comunicazione simbolica e segreta che, nutrendosi dello studio di varie tradizioni sapienziali, passa dalla manipolazione e dalla forgiatura della materia nelle sue differenti espressioni - marmo, arenaria, pietra lavica e calcarea, ferro, legno, gesso - in un lavoro fisico, corporeo, manuale, di trasposizione alchemica, preceduto da un profondo studio figurativo su carta che dà spesso vita ad altrettante opere parallele. Importanti inoltre, e di grande rilievo tecnico, i suoi interventi nel campo del restauro scultoreo e dell'integrazione decorativa di matrice storica. Numerosi suoi lavori fanno parte di collezioni private in varie città d'Europa. Ha esposto in personali e collettive in tutta Italia.

Mariagrazia Tortorici

è nata a Palermo ma risiede a Siracusa dal 1956. In questa città frequenta l'Istituto Statale dove consegue il diploma di Maestro d'Arte. Successivamente consegue anche la maturità artistica presso il Liceo Artistico di Palermo dove completa gli studi superiori. Nel 1967 inizia la carriera didattica presso l'Istituto Statale d'Arte di Siracusa, quale titolare della cattedra di Discipline Pittoriche, ove rimarrà sino al 2000. La sua natura fantasiosa la porta a sperimentare diverse espressioni artistiche, da dieci anni si dedica alla decorazione di tessuti e allo studio di tecniche miste su superfici di vario tipo. Già dagli anni '60 partecipa a diverse mostre collettive soprattutto in Sicilia. Ha anche realizzato lavori di grafica pittorica per un'associazione culturale di Annecy (Francia).

Laura Saccomanno

è nata ad Augusta in provincia di Siracusa nel 1978. Fin dai suoi primi anni di vita la sua occupazione preferita è stata disegnare ed ha realizzato i suoi primi dipinti durante l'ado-lescenza, seguendo gli insegnamenti del pittore Albino Trigilio. Dopo gli studi liceali si reca a Firenze dove consegue il diploma universitario in "Operatore di Costume e Moda" e successivamente lavora per alcuni anni come stilista di abbigliamento presso alcune aziende. Nel 2007 si diploma a Siracusa presso l'Accademia di Belle Arti dove insegna pittura e disegno nei due anni successivi.Oggi si dedica unicamente alla sua attività pittorica.

Luigi Galofaro

nasce a Comiso nel 1944. Nel 1961 consegue il titolo di maestro d'arte a Perugia. Dal 1962 è presente in numerosi e significativi premi, rassegne nazionali e internazionali, e annovera nel suo curriculum parecchie mostre personali. Sue opere sono presenti in collezioni pubbliche e private. Alle sue opere si sono interessati vari quotidiani e riviste specializzate. Fa parte del Collettivo B.A.I. (Bottega d'Arte Ippari) di Comiso. Dal 2006 in seguito alla mostra svoltasi a Comiso (RG) dal titolo "Una Scuola una generazione" il Collettivo B:B.I. è presente ad un ciclo di mostre itineranti in numerose città d'Italia. Sue opere sono presenti nei musei di arte contemporanea di Floridia, Comiso, San Pietro a Maida.

Salvatore Canigiula

Nasce a Comiso (RG) il 19 settembre del 1952. Dal 1971 al 2011 è titolare della cattedra di rfietalli e oreficeria presso l'Istituto Statale d'Arte di Siracusa città in cui vive e lavora. Dal 1984 al 1986 collabora con il critico d'arte Demetrio Paparoni per la rivista Tema Celeste partecipando agli eventi da lui curati. Per il film "Malena" di Giuseppe Tornatore realizza elementi scenici scultorei. Dal 2007 la sua ricerca artistica si basa sull'utilizzo di materiali ecosostenbili creando scul¬ture dalle forme flessibili e fluttuose.


Via Roma 30 Siracusa
Tel. 348 7557991 /333 7561858
e-mail: spaziotrenta@hotmail.it
www.spaziotrenta.it
Orari galleria
Tutti i giorni escluso il lunedì 18:00/20:30
Curatore mostra Mariola Tortorici
Allestimento Mariola Tortorici
Testo critico Salvatore Rapisarda
Progetto grafico e stampa Art Service - Siracusa


 
Torna ai contenuti | Torna al menu