Memoli carabiniere - CASFirenze59corso

Vai ai contenuti

Menu principale:

Memoli carabiniere

RACCONTI MEMORIE > MEMOLI FRANCESCO

Filastrocche Francesco Memoli


-LAMENTO-PER-L'UNGHIA. --La stirpe / che in zona soleggiata/ schiva le botte / con la tavola per la pasta / trebbia i covoni / nei papaveri, / e, per il-tasso, / segna con l’unghia / ogni recipiente / che riempie / di sugna, / poi-fa uno spuntino / e, con il tallone, / dal camino / furtivamente, / sottrae una-tomaia, / la imbeve, / la restringe (rimpicciolisce), / stringe i pugni / ma non la sgualcisce, / allora si lamenta, / per-una sberla: / “E per la-mandogna- (sta per -Madonna-), / mi viene da piangere! / Se infilo il cuneo / nel favonio, /l’unghia si gonfia / e me ne vado -ai bagni- (sta per -cimitero-). // Ma è una vergogna?!
CAPRICCI-DI-PAZZI
Bimbo… “Tiruccio”! (vezzeggiativo di Liberatore) / dì a “Minuccio” (vezzeggiativo di Carmine) / che, in contrada “Mioccia”,/ se intravede un tacchino / nelle stoppie, / con un ciottolo,/deve… farlo secco. // Poi, cuoce la carne / con quella di coniglio,/ il lardo lo pesta, / l’olio, una goccia / e un po’ di sedano, / si rimette in-sesto / e, insieme a “Filuccio” (vezzeggiativo di Raffaele),/ da “Daviruccio” (vezzeggiativo di Davide), / adocchia “Linuccia” (vezzeggiativo di Elena) // il somaro lo porta fuori // e gioca alla “staccia” (pietra-piatta). // Ehi… quello è pagliaccio / e-pure spilorcio.// Se gli prende lo sghiribizzo, / con quella testa, / potrebbe-combinare guai?! // E io che ne so!

Memoli Francesco vita e carriera da carabiniere
 
Torna ai contenuti | Torna al menu