Randazzo carabiniere - CASFirenze59corso

Vai ai contenuti

Menu principale:

Randazzo carabiniere

RACCONTI MEMORIE > RANDAZZO ANTONIO

CANTASTORII SARAUSANU
Cuntu ramuri e di picchì
Chista iè a storia vera ri ‘n ppicciottu babbazzu
ca lassò u so paisi pi fami e dibulizza
Scattiò ri Ortigia all' Alpi girannu peri peri
currennu apressu a cui senza sapiri picchì
Fu giustu? A vuiautri sta custioni
Intantu u picciutteddu crireva ‘nta giustizia
pinsannu ri truvalla ‘nto munnu raricata
Crireva crireva crireva
U munnu vuleva sabbari u poviru ntuniuzzu
senza mai fimmarisi a taliari megghiu
Baddasciu iera allura cu l’amici soi
strata a ppo na fari p’ amuri ri campari
Passò voschi ie muntagni ‘n cecca ri picchì
ma iennu iennu nenti potti truvari
Sunnava sunnava sunnava
‘Nto cori aveva aruci u ciauru ra so terra
trimuri mai lassatu ro pinseru riputtatu
Mastriceddu bonu co lignu riscurreva
nenti potti fari ri chiddu ca sapeva
‘Nta tutta a nazioni genti canusciu
ciccannu soluzioni a tanti custioni
Straviatu ‘nto pinseri comu tutti pari
strata nu’ truvava pi putiri siri
Cunfunnutu a menzu a tanti sulignu a menzu a fudda
sa vo fissatu ‘n testa cangiari u munnu pessu
‘Ntrunatu pi com’era iddu ieva a fari
apressu e gnuri iennu senza sapiri picchì
Spirava spirava spirava
‘Nto cori aveva aruci u ciauru ra so terra
trimuri mai lassatu ro pinseru riputtatu
Cu l’occhi ‘nttuppati nenti sapeva picchì nu’ taliava unni puteva iri
Che crucchi unni cariu agneddu a mmenzu e lupi
spacchiusu e temerariu rischiò ri farisi mali
Finutu ri cric a croc a valli ro Passiriu
co rischiu ranniari ‘nto ciumi assatanatu
Ri pannu ieva vistutu sulignu figghiu ri mattri
cretinu fu crirutu ie fossi anticchia ccè
Vaddatu cu simpatia ro Pattri i tutti quanti
novu Robinudd re causi pidduti
Tanta strata fici ca lanterna Dioginea
ma caminannu caminannu nu’ si ritruvò
Disidiratu e ciccatu chiddu ca vuleva
rintra iddu aveva ma nu' nu sapeva
Anchi ri luntanu u ciaru sinteva
picchì stampata aveva a terra rintra o cuori
Chiangeva l’anima so ma nu’ ssarrinneva
e puru a vucca stritta vuci iddu ittava
Cu spuntata spata e bilicu sfasciatu
liggiu libbra ‘nteri e giunnali a mai finiri
Passò iunnati ‘nteri cu cu ciccava pani
cu tanti sciopiranti e poviri scunsulati
‘NtoTicinu tistimoni ra machina abbuccata
‘nto ‘mmaraggiatu ciumi ri ‘n capu sgarrusatu
Cogghiri figghi i mattri ammazzati a Bascapè
cu tanti cumpagneddi ‘nta prima sciuta fora
A prima tumpulata l’appi ri‘na strammata
muggheri accuppiata ro iurici ‘ntrunatu
Fu tanta a raggia avuta ca vuleva cangiari
ma nenti potti fari pi chiddu ca nu’ ccera
Picciotto tra picciotti armatu e ccupaggiatu
i l’una e l’autra patti ri tutti schifiatu
Idei sissantottini manifestaru tanti
contru i soi bisogni iappi a navigari
Chi libirtà vulevunu pistannu chidda ri iddu?
Chi cuppa puteva aviri ri quantu succireva?
Se i liggi ierunu chissi ri Mao differenti
Distrattu num vireva i motti ie tanta fami
cu l’occhi ie u cuori chiusi ieva ieva ieva
‘Nta l’Arnu alluvionatu girò ammaraggiatu
rischiannu veru a morti ro succi ‘nttrappulatu
Sbattennu a ritta ie a manca l’anticu culunnatu
truvò a bona via ri Chiddu accumpagnatu
Nisciù ri ‘ssu scaluni ri turlintana armatu
pamministrari liggi prontu fu mannatu
‘Na fimmina sincera cumpagna iappi allura
cu idda caminò avanzannu ‘nta carrera
Frinatu ‘nta l’idei senza tanta cummvinzioni
girava notti e ionnu pi strati ie valli pessi
Pa longa malatia i peni foru tanti
vosi cu iè ca vosi ripigghiò a chianata
Chiangeva u cori ‘m pena ma nu’ s’arrinneva
iera ‘nsuccumatu ma gridava gridava gridava
spirava spirava spirava.
Pi chiddu ca faceva puttrisinu fu chiamatu
girannu unni ie gghe anchi a patti o scuru
Chiamatu ri cu fu ca u vuleva beni
lassari iappi rittu ri nu’ circari sbbenti
Fieru e scunsulatu ma tistaddu quantu chì
tirò u filagnu susennisi ogni vota
Ruluri ‘nta cuscenza re tanti scuppuluni
‘mpammu re so occhi nu’ visti cosa ccera
Cu lingua e parlantina attravirsò u mari
girannu a manu a manu ni visti cosi totti
‘mpicchiati pi giustizia ‘nteressata assai
marredda ‘mpurigghiata di paroli persi
Abusi ci nnì foru ie sempri s’appillò
facennu custioni cu tanti pirituni
Poi arrivò u ionnu ma nun fu sceltu ri iddu
ca finalmenti visti c’aveva rintra u cori
Sbattennu unni sbattiu o forsi fu dicisu
lassò zzoccu faceva pi fari fari fari
iappi iappi iappi
U trimuri mai lassatu tuttu paru u ripigghiò
u ciauru ro cori ra so terra rispirò
e fu realizzatu chiddu ca vosi iessiri
pinsannu ‘n pusitivu pi viviri filici
Pruvuli e cartucci china a so visazza
cu Diu pi cumpagnu pi l’ultimi sparati
Chista iè a vera storia ro poviru ntuniuzzu
cavaleri senza siri “terruni” Sicilianu
ri tutti fu chiamatu
CANTASTORIE SIRACUSANO
Canto d’amore e di perché
Questa è la vera storia di un ingenuo ragazzo che lasciò il suo paese per fame e debolezza
Da Ortigia raggiunse le Alpi girando in ogni dove correndo appresso a chi senza sapere il perché.
Fu giusto? A voi la questione!
Il ragazzo credeva nella Giustizia pensando di trovarla nel mondo radicata.
Credeva, credeva, credeva!
Il mondo voleva salvare il povero Antoniuccio senza mai fermarsi a guardare meglio.
Cucciolo era allora con gli amici suoi, strada dovettero fare per amore di vivere.
Attraversò boschi e montagne in cerca del perché ma camminando e andando, niente trovò.
Sognava, sognava, sognava!
Nel cuore aveva dolce il profumo della sua terra, tremore mai lasciato dal pensiero riportato.
Maestro falegname con il legno parlava, niente poté fare di quello che conosceva.
In tutta la nazione conobbe tante persone cercando soluzioni a tante questioni.
Distratto col pensiero come tutti quanti strada non trovava per poter essere.
Confuso in mezzo a tanti solo tra la folla si era fissato di cambiare il mondo traviato.
Intontito com’era lui andava a fare dietro al conducente senza sapere il perché.
Sperava, sperava, sperava!
Nel cuore aveva dolce il profumo della sua terra, tremore mai lasciato dal pensiero riportato.
Con gli occhi chiusi niente sapeva perché non guardava dove poteva andare.
Con i crucchi dove andò, agnello in mezzo ai lupi, gagliardo e temerario rischiò di farsi male.
Trascinato dalla corrente a valle del Passirio rischiò d’annegare nel fiume arrabbiato.
Di panno era vestito solo povero figlio di madre, ingenuo fu creduto e forse un poco c’è.
Guardato con simpatia dal Padre di tutti, novello Robin Hood delle cause perdute.
Quanta strada fece con la lanterna come Diogene ma camminando, camminando non si ritrovò.
Desiderava e cercava quello che era dentro di lui ma non lo sapeva.
Anche da lontano il profumo sentiva perché stampata aveva la sua terra dentro il cuore.
Piangeva l’anima sua ma non si arrendeva e anche a bocca cucita lui gridava.
Con spada spuntata e bilancia rotta lesse libri interi e giornali senza fine.
Passò giornate intere con chi cercava il pane tra tanti scioperanti e poveri sconsolati.
Fu testimone quando gli scioperanti rovesciarono la macchina del Questore nel Ticino.
Nel primo servizio con tanti compagni raccolse i resti di Mattei e compagni assassinati a Bascapè.
Il primo schiaffo l’ebbe da una donna bugiarda moglie del giudice locale che credette alle fandonie.
Fu tanta la rabbia che provò che voleva congedarsi ma niente poté trovare del lavoro che non c’era.
Ragazzo tra ragazzi, armato ed equipaggiato dalle destre e Dalle sinistre veniva maltrattato.
Manifestavano in tanti nel 68° e contro le sue stesse esigenze dovette barcamenarsi.
Che libertà volevano calpestando quella di lui?
Che colpe aveva di quello che succedeva e se le leggi erano differenti da quelle di Mao?
Distratto non vedeva i morti e la tanta fame con gli occhi e il cuore chiusi andava, andava, andava.
Durante l’alluvione dell’Arno trascinato dalla corrente rischiò di fare la morte del topo intrappolato.
Sbatté a dritta e a manca l’antico colonnato trovò la buona via da Dio accompagnato.
Uscì da quella scuola armato di durlindana per amministrare leggi pronto fu mandato.
Una donna sincera ebbe per compagna e con Lei camminò avanzando nella carriera.
Frenato nelle idee senza tanta convinzione girava notte e giorno per strade e valli perse.
Per la lunga malattia le pene furono tante volle Colui che volle riprese la salita.
Piangeva il cuore in pena ma non si arrendeva, si rodeva dentro ma gridava, gridava, gridava.
Sperava, sperava, sperava!
Girando in ogni dove anche in luoghi bui, per il servizio che faceva “petrosino” lo chiamavano.
Chiamato da chi stava in alto gli fu detto di lasciare senza cercare altro.
Fiero e sconsolato ma sempre più testardo tirò per la sua strada alzandosi ancora una volta.
Doleva la coscienza per le tante sberle un palmo dai suoi occhi non vedeva cosa c’era.
Buon comunicatore attraversò il mare
Girando ne vide cose storte spacciate per Giustizia interessata assai, gomitolo imbrogliato di parole perse.
Abusi ne vide e sempre si appellò litigando con tanti “peti”.
Poi arrivò il giorno; ma non fu scelto da lui, che finalmente vide cosa aveva dentro il cuore.
Batté dove batté o forse fu deciso lasciò ciò che faceva per fare, fare, fare.
Ebbe, ebbe, ebbe”
Il tremore mai lasciato interamente lo riprese, il profumo della sua terra nuovamente respirò
E fu realizzato quello che doveva essere pensando in positivo per vivere felice.
Polvere e cartucce piena la sua bisaccia con Dio per compagno per le ultime sparate.
Questa è la vera storia del povero Antoniuccio cavaliere senza essere terrone siciliano di tutti fu chiamato.
Antonio Randazzo






Antonio Randazzo vita e carriera da carabiniere
 
Torna ai contenuti | Torna al menu