Lucia Lo Verso - chi-è-antonio-randazzo

Vai ai contenuti

Menu principale:

Lucia Lo Verso

i suoi occhi e il suo sorriso mi aiutano ancora oggi a sopravvivere



Omaggio a Mia moglie Lo Verso Lucia

a luci 'nta l'occhi

u focu 'nto sangu

u zuccuru 'nto cori

a ucca ri meli ca mi faceva sentiri Re

Era e iè l'amuri miu, Lucia!


documentazione pdf



documentazione pdf per coloro che l'amarono in questa vita

Tutto ciò che sono che ho fatto e realizzato debbo a Lei e Le dedico questa pagina non per commemorala ma per dare il giusto merito per essere stata e continua ad essere madre, sorella, moglie compagna, guida e faro per la mia vita,forse inutile, senza la sua presenza.
Sempre sorridente, paziente e premurosa, costante e ferma di carattere.
Formica e mai cicala operosa casalinga, forte e generosa pensando sempre agli altri prima che a se stessa.

Lei non vorrebbe che io pubblicassi questa pagina come non ha mai voluto che pubblicassi sue foto e lo faccio consapevolmente scrivendo solo la verità.


Onore a Lei che visse donandosi.

così la conobbi ancora giovinetta


così appena fidanzati nel 1964 nel cortile giardinetto della casa dei miei genitori in Via Pasubio 86




Non sto scrivendo il Suo panegirico oggi che vive l'oltre questa vita mortale anche perchè quello che ho sempre pensato e vissuto lo scrissi tanti anni fa ed è verificabile.

mia sola ed unica Musa
http://www.antoniorandazzo.it/cosa%20ho%20fatto/poesie-.html
Queste alcune riflessioni in versi sciolti che altri chiamano poesie:
18
INNU A LUCIA
"e o Pattri ca ma resi"
Quannu nascisti tu bidduzza mia
San Martinu scampaniò
i quagghi svulazzaru
i papiri quaquariaru
ie muletta sataru
U quatteri sparò
pi dari a bona nova
chiamannu i cummareddi a to prisenza
Nascisti ristinata a ccumpagnarimi
ro Pattri ca ni vosi tantu beni
Maiulina ti visti stidda rirenti
rosa sbucciata pi mia sulu
U suli nu’ fu chiù accussì luntanu
ie nenti avissa statu a vita mia
se nu’ fussi stata china ri tia
Mmiriati fummu ri chiddi
ca ni vistunu futtunati
Chianammu ‘n giovinezza a nostra strata
e zzemmula finemila di scinnuta
Stringiti a mia ‘nta stu mumento
e fina ca rura u nostru ciatu

19
AMURI PI SEMPRI
L’amuri iè comu o Suli
quannu ccè quaria
Iddu bedda mia
nu’ sulu s’abbannia
ma ionnu doppu ionnu
si vivi ‘n cumpagnia
S’abbivira mi senti
cu tanti strummenti
Pacenza e cumprenzioni
‘nta giusta dimenzioni
Quannu iè putenti
fa cangiari a tanti
Funni u ciriveddu
Ammalia l’omu saggiu inchennulu i curaggiu
Niuru cu nu’ si fa ‘ncantari
chi peddi nu' nu po sapiri
Ora ca sugnu ranni
tu vogghiu propriu riri
‘Nta gioia ie nto ruluri
tu sula fusti amuri
Grazi amica mia
ca fusti a mia malia

20
ASPITTANNU ‘I NOZZI D’ORU "quartu tempu"
Trent’anni sunu tanti e pari ieri ca mi trimavunu l’anchi ca taliata
Nobili e sicura a to caminata traballanti a ma ‘sistenza
‘Nzzemmula criscimmu tuttu rui anchi se nu’ fu facili a via
Iessiri comu sugnu nu’ sunnasti
stidda ristinu pa ma strata
Iautru nu’ sacciu ‘mmagginari
ca a vita passata nsemi a tia
Puisii ro munnu nunnabbastunu
pi ringraziari a to pacenza
Occhi funnuti spugghianti a cuscenza
scusatimi re tanti malacrianzi
Nu’ basta isariti santa u beni ca ti vogghiu
ie pe totti ca ti fici pa picca ‘spirienza
Forsi nun iè taddu riritillu
ca mi ripigghia u trimuliu aspittanniti
Maravigghiusa rispunnenza r’amurusi sensi
Sfiziu ni fici a voti
ma mai pi pinsatu mali
Menturi ri fattu pi mia
luci luminusa ri nomu
Du menzi mennuli ie ‘n sulu fruttu
‘nsemi pi l’eternità

21
Immaginarti
sognarti
Amarti
già prima di vederti
Ambirti
incontrarti
sposarti
Adorarti
e poi viver con me tu volesti
Amato bene
compagna amica
donata giovinetta alla mia gioia
ristoro per la mia vecchiaia
per le mie stanche membra
Insieme ancora
per l'eternità

Nella scultura mi ispirò

:


il suo ritratto in marmo rosa del Portogallo



Questa Le dedicai nel 2008 - Omaggio a Lucia e a tutte le Sante donne di ieri e di oggi


http://www.antoniorandazzo.it/cosa%20ho%20fatto/files/OMAGGIO-A-SANTA-LUCIA.pdf



guidami ancora nella vita che mi resta per riunirmi a te quando sarà la mia ora per continuare ad essere: DU MENZI MENNULI E 'NA COSA SULA.
Grazi amica mia ca fusti a mia malia
Così ricordo insieme momenti e occasioni belle della nostra vita insieme

20 Luglio 1969 venticinquesimo presso chiesa Bosco Minniti



20 Luglio 1969 venticinquesimo presso Agatino



mio sessantesimo compleanno



20 Luglio 2011 trentesimo alla Damma



nel 1964 fidanzatini con la mia famiglia in Via Pasubio 86 nel cortile giardino



giovani sposi per il battesimo di uno dei nipoti



al matrimonio di Carmelantonio



inaugurazione prima mostra personale all'antico mercato 30 Settembre 2000


ad Hammamet


a Terrasini



a Innsbrug


Germania palazzo reale asburgico




al campo Manghisi con la parrocchia di Bosco Minniti



a Roma fontana di Trevi



a Fiuggi





 
Torna ai contenuti | Torna al menu