ricordi come vengono - cosa ho fatto

Vai ai contenuti

Menu principale:

ricordi come vengono

IL CANTASTORIE
attiva audio ricordi come vengono

9
(vernacolo siracusano parlato)
RIODDI ‘MMISCA ‘MMISCA
Aruci ie amari vanu e venunu rioddi
scatinatu u ciriveddu nu’ canusci sbarramenti
U pinseru libiratu fa sunnari a occhi aperti
rapi tutti i putticati ‘n cerca i l’anima pidduta
Vola vola fantasia accumpagniti cu mia
vai luntanu nu’ ti fimmari già passaru l’ anni mei
Vola supira vola sutta all’iniziu ra ma strada
ventu ‘n puppa isa a vela ca i dumanni sunu tanti
Chiama venti ginirusi pi vulari chiù luntanu
vai avanti nu’ ti fimmari p’aiutarimi a sapiri
Vola a dritta vola a manca co curaggiu nu’ mi manca
vola iauto luntanu a ciccari i me rarici
Scinni munti ie vadduni trascinatu comu ‘n ciumi
u passaggiu è strittu e longu tira rittu n’ ti fimmari
Vola vola senza sosta nta l’antica primavera
riputtannimi rioddi ceccu e trovu u mo futuru
Antonio Randazzo

9
RIODDI COME VENGONO
Dolci e amari vanno e vengono ricordi
Scatenato il cervello non conosce sbarramenti
Il pensiero liberato fa sognare ad occhi aperti
Apri tutti i portoni in cerca dell’anima perduta
Vola fantasia unisciti a me
Vai lontano non ti fermare già passarono gli anni miei
Vola sopra vola sotto all’inizio della mia strada
Vento in poppa alza la vela che le domande sono tante
Chiama venti generosi per volare più lontano
Vai avanti non ti fermare per aiutarmi a sapere
Vola a destra vola a sinistra che il coraggio non mi manca
Vola alto lontano a cercare le mie radici
Scendi monti e valli trascinato come un fiume
il passaggio è stretto e lungo tira diritto non ti fermare
Vola senza sosta nell’antica primavera
Riportandomi ricordi cerco e trovo il mio futuro
Antonio Randazzo





 
Torna ai contenuti | Torna al menu