tramonto siracusano - cosa ho fatto

Vai ai contenuti

Menu principale:

tramonto siracusano

IL CANTASTORIE
attiva audio tramuntu sarausanu

Tramonto Siracusa foto Matteo Masoli

12
ORTIGIA AMURI MIU.
Vadda chi beddu tramontu se ti metti o spiazzettu
viri u suli e pantaneddi s’arrizzetta ‘nta l’iblei
Veni veni furasteri ccà passò a storia ‘ntera
Vadda sta funtana bedda nesci frisca i sutta terra
Archimedi ‘nta so sfera ‘mmaginò stu gran futuru
‘nta sta costa frastagliata anniricò tanti straneri
Viri chi magnificenza ri sti pettri antichi ie saggi
veni ccà tra mari e suli ‘nta stu ciauru celesti
Quanta é bedda ccà a staciuni sunu quattru e pari una
‘nta stu locu ri malia tanti già passaru i ccà
Ri chiù granni fommu capaci ri puttalla a ‘sta ruvina
quanti figghi strummintusi appò na scappari fora
Nuddu ié profeta rintra ‘nta sta terra futtunata
sulu quannu arriva a morti i chiangemu tutti pari
Veni veni viandanti ca u viddicu ié sempri ccà
’nta sta terra luminusa ‘ncuminciò a civiltà
Antonio Randazzo


Tramonto Siracusa foto Antonio Randazzo

12
ORTIGIA AMORE MIO
Guarda com’è bello il tramonto da Largo Aretusa
Vedi il sole ai pantalelli si sistema tra i monti Iblei
Viene forestiero qui passò l’intera storia
Guarda questa bella fonte sorge fresca dalla terra
Archimede nella sua sfera immaginò questo grande futuro
In questa costa frastagliata fece neri tanto stranieri
Guarda la magnificenza di queste pietre antiche e sagge
Vieni qui tra mare e sole in questi profumi celesti
Quanto è bella qui la stagione sono quattro e sembra una
In questo luogo di magia tanti da qui passarono
Di tanto grande che era fummo capaci di portarla alla rovina attuale
Quanti figli ingegnosi dovettero fuggire
Nessuno è profeta in questa terra fortunata
Solo quando muoiono li piangiamo
Vieni viandante l’ombelico è sempre qui
In questa terra luminosa incominciò la civiltà
Antonio Randazzo



Tramonto Siracusa foto Matteo Masoli
 
Torna ai contenuti | Torna al menu