Venere Landolina - musei biblioteche

Vai ai contenuti

Menu principale:

Venere Landolina

Museo Archeologico
Venere Anadiomene o Venere Landolina Mitologia e storia antica: Anadiomene (Venere)
Statua

La scultura di età romana, II secolo d.C., è probabilmente la copia della statua di culto realizzata per il Tempio di Afrodite a Siracusa nella prima metà del II secolo a.C. Secondo questa ipotesi la statua originale sarebbe da mettere in relazione con un aneddoto riportato da Ateneo (Deipnosofisti, XII, 554) che riferisce di una gara di bellezza tra due fanciulle siracusane. La contesa vide come giudice un giovane che dichiarò vincitrice la sorella maggiore, di cui s’innamorò. La fanciulla più giovane si fidanzò invece con il fratello del giudice della gara. Le due sorelle per ringraziare la dea dell’Amore fondarono un tempio dedicato ad Afrodite Callipige.
L’Afrodite Landolina potrebbe quindi identificarsi con questa Afrodite Callipige di cui parlano le fonti antiche. L’epiteto “callipige” deriva dal greco antico e significa “dalle belle natiche”. L’ipotesi di questa identificazione è avvalorata da un piccolo rilievo di Siracusa, trasposizione plastica del racconto di Ateneo.
La dea è raffigurata mentre sta per denudarsi prima del bagno. Il nudo opulento e sensuale è messo in risalto dal ricco panneggio e dal gesto pudico della mano che copre il pube. La statua è acefala e priva dell'avambraccio destro, che originariamente copriva il seno. A sinistra della figura è un delfino acefalo che evoca le acque marine da cui nacque Afrodite.
L'originale fu realizzato probabilmente da scultori greci della scuola rodio-asiatica o scolpito da maestranze greche nella stessa città di Siracusa. Durante l’ellenismo infatti furono intense e continue le relazioni commerciali ed economiche tra Rodi, Coo e Siracusa ed è quindi plausibile pensare a forti influenze artistiche dei centri insulari e microasiatici.
Il nudo femminile di Afrodite, rappresentato per la prima volta dallo scultore greco Prassitele nel IV secolo a.C. con la sua celeberrima Afrodite cnidia, divenne in età ellenistica uno dei temi preferiti dagli artisti che rielaborarono soprattutto il soggetto dell'Afrodite al bagno, che poteva presentarsi interamente nuda o con un mantello che copriva soltanto una parte del corpo come nel caso della statua di Siracusa.
La statua dell’Afrodite fu rinvenuta a Siracusa nell'Orto Bonavia, poi Giardino Spagna, il 7 gennaio 1804 dal Saverio Landolina, Regio Custode delle Antichità di Val Demone e Val di Noto.

Testi a cura di Alessandra Merra (beni archeologici) e Valeria Sola (beni storico-artistici)
Servizio Museografico U.O. XXXI



Nel 1885 Guy de Maupassant effettuò un tour della Sicilia, passando anche da Siracusa dove visitò la Venere Landolina da poco ritrovata. Nel suo Viaggio in Sicilia[1] descrive la statua con commenti entusiasmanti:
« Penetrando nel museo, la scorsi subito in fondo ad una sala, e bella proprio come l'avevo immaginata.
Non ha la testa, le manca un braccio; mai tuttavia la forma umana mi è parsa più meravigliosa e più seducente.
Non è la donna vista dal poeta, la donna idealizzata, la donna divina o maestosa, come la Venere di Milo, è la donna così com'è, così come la si ama, come la si desidera, come la si vuole stringere.
È robusta, col petto colmo, l'anca possente e la gamba un po' forte, è una Venere carnale che si immagina coricata quando la si vede in piedi. Il braccio caduto nascondeva i seni; con la mano rimasta, solleva un drappeggio col quale copre, con gesto adorabile, i fascini più misteriosi. Tutto il corpo è fatto, concepito, inclinato per questo movimento, tutte le linee vi si concentrano, tutto il pensiero vi confluisce. Questo gesto semplice e naturale, pieno di pudore e di impudicizia, che nasconde e mostra, che vela e rivela, che attrae e che fugge, sembra definire tutto l'atteggiamento della donna sulla terra.
Ed il marmo è vivo. Lo si vorrebbe palpeggiare, con la certezza che cederà sotto la mano, come la carne.
Le reni soprattutto sono indicibilmente animate e belle. Si segue, in tutto il suo fascino, la linea morbida e grassa della schiena femminile che va dalla nuca ai talloni, e che, nel contorno delle spalle, nelle rotondità decrescenti delle cosce e nella leggera curva del polpaccio assottigliato fino alle caviglie, rivela tutte le modulazioni della grazia umana.
Un'opera d'arte appare superiore soltanto se è, nello stesso tempo, il simbolo e l'esatta espressione di una realtà.
La Venere di Siracusa è una donna, ed è anche il simbolo della carne.
Dinnanzi al volto della Gioconda, ci si sente ossessionati da non so quale tentazione di amore snervante e mistico. Esistono anche donne viventi i cui occhi ci infondono quel sogno di tenerezza irrealizzabile e misteriosa. Si cerca in esse qualcos'altro dietro le apparenze, perché sembrano contenere ed esprimere un po' di quell'ideale inafferrabile. Noi lo inseguiamo senza mai raggiungerlo, dietro tutte le sorprese della bellezza che pare contenere un pensiero, nell'infinito dello sguardo il quale è semplicemente una sfumatura dell'iride, nel fascino del sorriso nato da una piega delle labbra e da un lampo di smalto, nella grazia del movimento fortuito e dell'armonia delle forme.
Così i poeti, impotenti staccatori di stelle, sono sempre stati tormentati da una sete di amore mistico. L'esaltazione naturale di un animo poetico, esasperato dall'eccitazione artistica, spinge quegli esseri scelti a concepire una specie di amore nebuloso, perdutamente tenero, estatico, mai sazio, sensuale senza essere carnale, talmente delicato che un nonnulla lo fa svanire, irrealizzabile sovrumano. E questi poeti sono, forse, i soli uomini che non abbiano mai amato una donna, una vera donna in carne ossa, con le sue qualità di donna, i suoi difetti di donna, la sua mente di donna, ristretta ed affascinante, i suoi nervi di donna e la sua sconcertante femminilità.
Qualsiasi creatura davanti a cui si esalta il loro sogno diventa il simbolo di un essere misterioso, ma fantastico: l'essere celebrato da quei cantori di illusioni. E la creatura vivente da loro adorata è qualcosa come la statua dipinta, immagine di un dio di fronte al quale il popolo cade in ginocchio. Ma dov'è questo dio? Qual è questo dio? In quale parte del cielo abita la sconosciuta che quei pazzi, dal primo sognatore fino all'ultimo, hanno tutti idolatrata? Non appena essi toccano una mano che risponde alla stretta, la loro anima vola via nell'invisibile sogno, lontano dalla realtà della carne.
La donna che stringono, essi la trasformano, la completano, la sfigurano con la loro arte poetica. Non sono le sue labbra che baciano, bensì le labbra sognate. Non è in fondo agli occhi di lei, azzurri o neri, che si perde così il loro sguardo esaltato, è in qualcosa di sconosciuto e di inconoscibile. L'occhio della loro dea non è altro che un vetro attraverso cui essi cercano di vedere il paradiso dell'amore ideale.
Se tuttavia alcune donne seducenti possono dare alle nostre anime una così rara illusione, altri non fanno che eccitare nelle nostre vene l'amore impetuoso che perpetua la razza.
La Venere di Siracusa è la perfetta espressione della bellezza possente, sana e semplice. Questo busto stupendo, di marmo di Paros, è - dicono - La Venere Callipigia descritta da Ateneo e Lampridio, data da Eliogabalo ai siracusani.
Non ha testa! E che importa? Il simbolo non è diventato più completo. È un corpo di donna che esprime tutta l'autentica poesia della carezza.
Schopenhauer scrisse che la natura, volendo perpetuare la specie, ha fatto della riproduzione una trappola.
La forma di marmo, vista a Siracusa, è proprio l'umana trappola intuita dall'artista antico, la donna che nasconde rivela l'incredibile mistero della vita.
È una trappola? Che importa! Essa chiama la bocca, attira la mano, offre ai baci la tangibile realtà della carne stupenda, della carne soffice bianca, tonda e soda e deliziosa da stringere.
È divina, non perché esprima un pensiero, bensì semplicemente perché è bella. »
 

Figura femminile nuda dimensioni al vero, gamba destra flessa al ginocchio; la testa mancante, doveva essere volta a sinistra con i capelli raccolti, come nella Venere Medici, suo modello; il braccio sinistro lungo il fianco con la mano sul pube, trattiene il ricco panneggio che circonda le gambe gonfiandosi a conchiglia ed esaltando la sensualità del nudo prosperoso del corpo, che sembra nascere dalle pieghe del tessuto; il braccio destro rotto, doveva essere flesso al gomito e allungato con la mano posta pudicamente sul seno sinistro, come suggeriscono gli appoggi rimasti su torace, braccio sinistro e seno; la voluttuosità espressa nella resa del corpo, abilmente sottolineato dall’effetto chiaroscurale delle singole parti, assimila questa donna più a una mortale che a una dea, esprimendo un corpo "vivo". Sulla sinistra del panneggio un piccolo delfino con la coda in alto e la testa verso il piede della dea, afferma la sua caratteristica di Anadiomene, "colei che sorge dalle acque".
La scoperta della Venere di Siracusa avvenne, come scrive nel 1824 Mario Landolina figlio di Saverio, nella proprietà di Don Giuseppe Massuti. Nel catalogo del Museo redatto da Antonio Sogliano nel 1876, quest’area è detta "giardino Buonavia oggi Spagna". La statua era stata probabilmente realizzata per arricchire il ninfeo dell’edificio termale che nel 1804 Saverio Landolina mette in luce, incrementando così la collezione archeologica dell’antica colonia greca di Siracusa di un "gioiello" che la riporta agli albori del suo antico splendore. A quell’epoca la città si trovò al centro degli interessi di quanti, dagli studiosi ai comuni cittadini, interpretarono come una grande fortuna la presenza di quest’opera d’arte e nonostante il tentativo del principe di Cutò, Luogotenente generale in Sicilia, di trasferire la Venere a Palermo, questi fatti portarono alla realizzazione del Museo Patrio, poi Museo Archeologico Nazionale, voluto per Lei e inaugurato nel 1811.Dal 16 gennaio 1988 La Venere Landolina è esposta all’ammirazione dei visitatori, nella sede del Museo Archeologico Regionale "Paolo Orsi".

Soggetto: Mitologia e storia antica: Anadiomene (Venere)

Estensione: altezza: cm 165.5

Materia e tecnica: Marmo pario/ scalpellatura

Data di creazione: Sec. II d.C.; 100 - 199

Ambito geografico: Collezione di Siracusa ellenistico-romana, Museo regionale archeologico Paolo Orsi, Viale Teocrito, 66, Siracusa (SR), Sicilia - Terzo livello, settore D, fuori vetrina, inv. 694 (1885)





 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu