filastrocche - parole siracusane

Vai ai contenuti

Menu principale:

filastrocche

C'era 'na vota 'n re, pite', bafé, viscottu e minè
c'aveva 'na figghia, pitigghia,bafigghia, viscottu e minigghia.
Sta figghia, Pitigghia, bafigghia, viscottu e minigghia,
aveva 'n aceddu, piteddu,bafeddu, viscottu e mineddu
Gn'ionnu st'aceddu, piteddu bafeddu, viscottu e mineddu
Vulò supra 'i casi, pitasi,bafasi viscotta e minasi
Allura lu re, pite',bafè, viscottu e minè dissi:
a cu' trova l'aceddu, piteddu,bafeddu, viscottu e mineddu
cci dugnu a me figghia, pitidda bafigghia viscottu e minigghia
Iù truvai l'aceddu, piteddu bafeddu, viscottu e mineddu,
ci rissi 'n carusu, vavusu, fitusu, viscottu e minusu
Allura , lu re, pite',bafè, viscottu e minè ci dissi,
e iu pi 'naceddu piteddu bafeddu, viscottu e mineddu,
ti dava a me figghia pitidda bafigghia, viscottu e minigghia?
Ah! Vattinni, vavusu, fitusu, muvvusu, viscottu e minusu.
(Cesare Minnalà)

dumani iè duminica, ci tagghiamu a testa a minica, minica nun c'è e ci tagghiamu a testa o rre. U rre iè malatu, ci tagghiamu a testa o suddatu, u suddatu a ghiutu a guerra scoppa u culu e cari 'n terradumani iè duminica, ci tagghiamu a testa a minica, minica nun c'è e ci tagghiamu a testa o rre. U rre iè malatu, ci tagghiamu a testa o suddatu, u suddatu a ghiutu a guerra scoppa u culu e cari 'n terra-
(Randazzo Antonio)

Chiovi, chiovi, chiovi
'a jatta fa li provi
lu surci si marita
cu la coppula di sita;
la coppula si vagna
la jatta si la mancia;
lu surci fa zì ziu,
tuttu 'nzemmula murìu 
(Armando Carrubba)

LA BELLA LAVANDERINA
La bella lavanderina, che lava i fazzoletti
per i poveretti e la bella società,
fai un salto, fanne un altro,
fai la riverenza, fai la penitenza
ora in sù, ora in giù
dai un bacio a chi vuoi tu

SCINNI SCINNI RINIREDDA si jucava dui o cchiù squatri, stessu nummiru ppi ogni squatra. Si tuccava e cu nisceva appuzzava 'o muru. Acchianavunu tutti e chiddi sudda dicevunu u nomu di ccù havò scinniri chiamannu chiddu ca cchiù aveva difficultà 'nto scinniri pirchì l'autri ca eranu supra si si muvevanu jevunu sutta iddi. Nuatri, comu 'u sig. Ruffo sbagghiavumu nun era aranciu vai ma adaciu vai e adaciu veni ... nun era nun ti scantari ddo' varberi ma sparveri... praticamente il portaordine che come rondinella adagio adagio doveva compiere la missione attenta allo sparviere che sparando ci puteva fari nesciri sancu ddo' peri (Armando Carrubba)

‘A CUMETA
Che bella mattina di sole! Che bel venticello amoroso che viene dal mare odoroso di sole, garofano e basilico.
Quanti aquiloni nel cielo del molo S. Antonio: rossi, verdi, azzurri e quelli dei poveri realizzati con la rimanenza della carta velina dei compagni; sono i più pesanti ma il vento li aiuta ugualmente a volare sempre più in alto, vicino al sole e c’è chi sull’aquilone ha messo un bigliettino per farlo leggere la’ sopra.
Beata gioventù! Quanta carta velina ha venduto ‘a Vicchiaredda di via G. Battista Per asso; perché lei sì che taglia di più e no come la bottega di Corso Umberto che oramai il proprietario si è fatto i soldi e non vuole sentire briscola, di maneo sì…di più ma quannu mai?
Che spettacolo nel cielo del molo S. Antonio, poi un aquilone strappa il filo dalla mano di un ragazzo e lo lascia lì fermo con la mano vuota a guardare il suo aquilone che si perde lentamente dietro il castello Maniace e il venticello carezza e consola le fantasie di un ragazzino…(Armando Carrubba)


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu