voi fimmina bedda - parole siracusane

Vai ai contenuti

Menu principale:

voi fimmina bedda

Voi fìmmina bbedda? Curri a Sarausa!

Tratto dal testo di Carmelo Tuccitto "palori a tinchitè" Editore Morrone-Vignette di Francesco Rodante




Anche se dalla maggior parte dei proverbi e dei modi di dire dialettali si evince che nel passato la società siciliana era maschilista, Fìmmina bbona è comu li muluna, tra qientu tinti si nni trova una, oppure Di lu mari nasci lu suli, di la fìmmina ogni mali, nella realtà era sempre la donna a prendere le decisioni più importanti circa la conduzione familiare.
La moglie, che era abile a fare apparire il marito come il padrone della casa, a fargli credere di essere un sovrano, È lu jaddu lu rre di lu puddaru (del pollaio), in verità lo comandava come se fosse un suo suddito: Si riddussi comu lu jaddu di Sciacca ca vinni pizzuliatu di la fiocca.
Al detto che esaltava la superiorità degli uomini 7 palori sunu fimmini, li fatti sunu uomini, se ne contrapponeva un altro che metteva in rilievo la poten¬za educatrice e formatrice delle donne, oltre a quella genetica: L'omini fanu 'i fatti, ma sunu 7fimmini a fari l'omini.
Sulle donne da prendere in moglie erano tanti i pregiudizi, sia sotto l'aspetto comportamentale che fisico. In base al comportamento si consigliava al gio¬vane di non prestare fede alla donna che rideva spesso: Fimmina ca riri nun cci farifiri; di dubitare di quella che si mostrava troppo affettuosa altrimenti veniva fregato: Fimmina ca t'abbrazza e stringi o t'ha tingiutu o ti tingi, di non fare festa sia a quella che si metteva in mostra: Fimmina a la finestra nun cci fari festa. E comu la tracina a 'mmenzu a la sfrata (cioè di tutti perché ognuno che passa ne coglie un chicco), sia a quella che quando camminava sculettava: Fimmina ca quannu camina s'annaca l'anca,si bbuttana nun è pocu cci manca; di diffidare di quella che stava per troppo tempo davanti allo specchio:
Firn mina ca s'impupa e fa inietta o è 'nnammurata o è cajorda netta (Donna di facili costumi. Cajorda deriva dall'ebraico HAJORDAH = che s'umilia); di stare alla larga da quella che vuole apparire una santarellina innocente e inge- ìua, mentre è diversa. Di lei si diceva: Pari 'a maronna ó scummogghiu (A Catania Irisinni ó scummogghiu voleva dire "andare nelle case di tolleranza" e cui inquiline erano tutt'altro che cummigghiati cioè coperte).
Per essere una buona moglie, la giovane doveva possedere due qualità: Escrezione (Bbona fìmmina havi occhi e nun vidi, havi aricchi e nun senti) e .ottomissione (Fimmina ca ti cunsigghia ti metti la bbrigghia).
Per presagire i cambiamenti fisici di una donna da marito, si raccomandava .1 giovane di guardare bene la futura suocera: Quannu t'ha maritari 'a matri 'taliari.(dal 1 'arabo TALA'HA = guardare. L'imperativo arabo TALLE'H cor isponde al siciliano tale = guarda!). Ciò perché Ogni bbiddizza ccu lu tempu ossa, in particolar modo con il matrimonio: 'A fimmina quann 'è schetta è principissa lu manciari e bbiviri la 'ngrassa se si marita li bbiddizzi appizza (perde le sue bellezze) e malirici 'a morti ca la lassa. Sotto l'aspetto fisico gli altri pregiudizi erano:
Fimmina grossa mugghieri strippa (da EX-STIRPE = senza stirpe cioè sterile. Se era sterile perché aveva superato l'età di procreare si definiva Fimmina pas- ita di levitu).
Siddu pigghi mugghieri sicca, intra la manu acchiappi picca. Fimmina janculidda, unnici misi malatedda; Fimmina capiddi longhi e ciriveddu curtu; Fimmina bbarbuta mancu di luntanu si saluta; Figghia unica è licca (golosa) e ammizziata (viziata); Bbedda di fora e fracita di rintra.
E per bellezza, le donne siracusane erano ai primi posti in tutta la Sicilia: Voi fimmina bbedda? Curri a Sarausa! Si la voi bbrutta curri a Terranova (Gela). Vai a Rusulini si la voi lagnusa (scansafatiche) e a Spaccafurnu (Ispica) si la voi a prova.
E sempre della siracusana si diceva: L'occhiu rà sarausana fa sciri 'a serpi tana (ammalia) oppure Tutta pumpusa (in ghingheri) la sarausana. Neanche la provincia era da meno per la bellezza delle sue donne. Sortino i nota per le bellezze impareggiabili: Sciurtinu ppi bbiddizzi spariggiati.


Anche se si era consapevoli che nessuna donna poteva incarnare la bellezza assoluta (Cu 'difacci cu 'di vucca nun cci nn 'è una bbedda tutta), si racconta che una fanciulla di Feria, oggetto di un apprezzamento poco lusinghiero sul suo aspetto fisico, abbia ribattuto con queste parole divenute col tempo un modo di dire:
Bbedda cci sugnu, bbedda mifazzu (bella cresco) Talliti tu ca si 'pagghiazzu (strofinaccio) (o canazzu = cagnaccio).
A proposito della bellezza delle donne di Floridia il testo di un'antica canzone dialettale così recita: E si ppi sorti lu me ' cori vola, l'amanti mia è sempri giurdiana (E se mi dovessi innamorare...).
Ai primi dell'800 aveva fama di essere la donna più bella del mondo una fioridiana, la duchessa Lucia Migliaccio che, proprio in virtù della sua bellezza e nonostante le numerose gravidanze avute durante il primo ma¬trimonio, nel 1814 diventò sposa morganatica di Ferdinando di Borbone, re delle Due Sicilie.
Una sua nipote, la figlia di suo figlio, Luigi Grifeo, sarà la bellissima e famosa contessa di Castiglione Virginia Oldoini che nel 1856 fu inviata da Cavour a Parigi per convincere con le sue grazie Napoleone III ad allearsi con il Piemonte. La bellezza dunque al servizio della ragion di Stato.
Malelingue dissero che fu anche merito della sua... disponibilità se si fece l'Unità d'Italia.
Martogliano sarebbe stato, a proposito, il commento del mio portinaio: Viditi quantu pò 'n pilu difimmina!


 
Torna ai contenuti | Torna al menu