Iole Siliato Mollica - ricordando

Vai ai contenuti

Menu principale:

Iole Siliato Mollica

SCUOLE SIRACUSA > SCUOLA ELEMENTARE MAZZINI > RICORDI SIRACUSANI

Iole Siliato Mollica

TRATTO DA "IN CIMA ALLA SPERDUTA" DI ALDO ADORNO documentazione pdf




Questa gentile ragazza ottantenne, mi parla con incedere lento e sicuro, e si esprime con una lucidità stupefacente. Il suo "excursus" è ricco di precisi dettagli. Racconta; e le sue labbra spesso si piegano ad un lieve, quasi ironico sorriso. Nel 1926 era alunna di seconda classe con l'insegnante Concetta Migneco nel reparto femminile del primo Circolo didattico di Siracusa che allora aveva sede nel fastoso Palazzo Beneventano del Bosco in Piazza Duomo. Direttrice era già la signora Anna Cannarella in Siliato. Al tempo il reparto maschile dello stesso Circolo era ubicato in Via Logoteta con direttore reggente il maestro Fazzina detto "pilu russu" per la sua chioma rossastra. Tutto il personale, docente e non docente, dipendeva allora dal Comune. Il fratello Francesco Siliato, recentemente scomparso, frequentò la prima elementare in Via Logoteta nel 1928 con l'insegnante Barbera Scibilia.

1. Mentre andiamo in stampa apprendiamo con dolore e commozione che questa cara amica ci ha lasciato.
Era in uso allora costituire delle classi "privilegiate", cioè prevalentemente o interamente composte da alunni cosiddetti di "buona famiglia". Ricorda che il direttore faceva improvvisamente irruzione in una classe, prelevando i ragazzi che - a suo insindacabile giudizio - riteneva abbastanza bravi, per consegnargli poi a qualche insegnante a lui molto "vicino". Durante una di queste "incursioni" la maestra Barbera, tempestivamente avvertita da un bidello, nascose sotto la cattedra il fratello Francesco insieme ad altri due piccoli alunni, evitando così che fosse "prelevato" ed affidato ad altri. Evidentemente la realtà della nostra scuola non era poi tanto diversa da quella sapientemente descritta da Lucio Mastronardi nel suo "Il maestro di Vigevano".  


 2- "Mi ero preparato una bella classe piccola; media e alta borghesia.
Stavo contemplando il registro; allo schema "professione del padre". Arrivò il direttore "Signor maestro, Ella cederà la sua scolaresca alla mia signora".
Va bene, signor direttore - dissi.
Da Lucio Mastronardi "il maestro di Vigevano" - 1962


 
Torna ai contenuti | Torna al menu