torre Avalos - Sicilia

Vai ai contenuti

Menu principale:

torre Avalos

SIRACUSA > AUGUSTA

http://www.sicilie.it/sicilia/Augusta_-_Torre_Avalos



Dopo l'estate del 1551, a seguito di un attacco effettuato da 150 galere turche, il governo spagnolo con il viceré Garcia de Toledo ideò un sistema di difesa del porto: nel 1567 fece costruire il Forte Garcia e Vittoria e nel 1570 Avalos D'Aquino, successore di Garcia, Torre Avalos, ubicato sopra una secca.

Un'inusuale conformazione a settore circolare di 280 m, a due livelli e con all'estremo sud dell'asse di simmetria del forte una torre elicoidale per favorire l'avvistamento ed ospitare in sommità una lanterna.

La breve permanenza ad Augusta dei francesi, iniziata nell'estate del 1675, si concluse il 18 marzo 1678, con il cessare della "Guerra d'Olanda".

Tra le distruzioni cui dettero mano nell'abbandonarla, vi fu anche quella dell'originale lanterna del forte.

I grandi lavori di rafforzamento della piazzaforte, effettuati entro il 1685 dagli spagnoli, come testimonia ancora oggi la lapide affissa sulla Porta Spagnola d'ingresso ad Augusta, interessarono anche Torre Avalos nel 1681.

Il terremoto del 1693 danneggiò il forte e fece crollare la nuova lanterna, che poi venne riedificata nell'attuale posizione.

Nel 1823, lo scoppio accidentale della polveriera mutilò il forte lungo il semiarco di ponente, mai più ricostruito.

Si provvide però a restaurare la torre, portandola all'altezza di 26 metri, per aumentare la portata della lanterna fino a 14 miglia.

La costruzione delle fortificazioni doveva necessariamente continuare, ma non ci riuscì a farlo, prima della seconda metà del XVII secolo.

Dopo la parentesi francese, nel 1680 de Grunembergh si recò ad Augusta per redigere piante a preventive.

Elaborò un progetto per rendere la zona del Castello una cittadella, aumentandone le fortificazioni sia dal lato del mare che dal lato della città: un sistema di fossati, rivellino, spalti e soprattutto bastioni costruiti da tecnici olandesi esperti in costruzioni sul mare, che, per essere realizzati, dal lato della città, fu necessario l'abbattimento dei prime due isolate settentrionali.

La Porta spagnola fu costruita nel 1681 da Carlo II a oggi è il simbolo di Augusta.

Le fortificazioni subirono forte danni dal terremoto del gennaio 1693 e una parte del Castello fu completamente distrutta dallo scoppio della polveriera.

I resti delle mura attualmente sono spariti all'interno di case, abbattuti per il passaggio di tubazioni e, dove esistono, sono coperti da cartelli pubblicitari a aiuole.

I resti di bastioni e batterie esistenti sono in totale abbandono a causa del degrado ambientale, dell'incuria e del vandalismo, o sono inglobati in strutture moderne.

Solo una parte degli interventi necessari, sono stati effettuati sui bastioni a mare, per contenere il processo di collasso che li sta interessando.

Torre Avalos si trova in uno stato avanzato di degrado.

La Marina Militare effettua opera di vigilanza, ma non sono di sua competenza le opere di manutenzione.

Ai danneggiamenti accumulati nei secoli, si aggiunge il degrado dovuto agli agenti ambientali.

Mancano infissi, processi di ossidazione, muffe a radici di piante infestanti minano l'intera struttura.

Un intervento della Soprintendenza su un aggrottamento del paramento a ponente, programmato già da qualche anno, non si è ancora materializzato.

A queste opere nessuno sembra prestare adeguata attenzione e, totalmente abbandonate al degrado, rischiano di non essere più recuperabili.

La Torre Avalos dovrebbe essere inserita, come è stato fatto per gli altri due forte spagnoli, in un'azione programmata di fruibilità tutelata.
















 
Torna ai contenuti | Torna al menu