Carmelitani Monte Santo - Conventi

Antonio Randazzo da Siracusa con amore
Conventi Siracusa
Vai ai contenuti

Carmelitani Monte Santo

Il testo è tratto da: Architettura religiosa in Ortigia di Lucia Acerra

stampato nel 1995 da: EDIPRINT  

CONVENTO  DEI CARMELITANI DI MONTE SANTO

Nel 1735, durante la guerra tra Austria e Spagna, fu dato l'ordine di demolire le costruzioni che si trovavano nella "linea di mare della Mastrarua" per facilitare la ritirata delle truppe in caso di attacco da mare.
Il convento e la chiesa di S. Nicolo, insieme a quella di S. Giovanni ante portam latinam, furono demoliti e i frati furono spostati nella chiesa di S. Caterina, dove si fermarono fino all'abolizione del loro Ordine avvenuta nel 1786 per ordine vicereale.
I Carmelitani di Monte Santo, sotto la regola di S. Alberto, giunsero a Siracusa nel 1636 ed ebbero il permesso dal vescovo Elia de Rubeis di stabilirsi nell'ex Cattedrale di S. Giovanni fuori le mura. Dopo 17 anni, nel 1653, per ordine del vescovo A. Capobianeo, furono trasferiti in città nella chiesa di S. Nicolo, che era stata unita a quella di S. Paolo, e a fianco alla chiesa costruirono il loro convento.

Torna ai contenuti