sveglia a noi - Antonio Randazzo poeta

Antonio Randazzo da Siracusa con amore
Cosa ho fatto
Vai ai contenuti

sveglia a noi

sveglia a noi

2
SVEGLIA A NIAUTRI
Trinacria susiti
Num viri ca tutti ti pistunu ?
Susiti
Isatilli ‘ssi rinocchia
Unn’ iè u curaggiu anticu ri l’omini to?
Quantu ancora a soffriri pi viriri luci?
Nenti nenti co sangu s’annacquò ca panza china ri tanti?
Quann’ è c’arriva u tezzu jonnu?
Quantu voti a moriri?
A vò luvari ‘ssa crozza i ‘ssu cantuni?
Stennili ‘ssi frazza ma pi pigghiaritilla!
U sai ca u saziu nu’ criri o riunu?
U beddu mari tu vinnisti pi soddi
pi bisognu ti vinnisti l’anuri
co cimentu cangiasti ‘a terra
mancu aceddi cantunu chiù
Isili si rinocchia!
Riodditi co Suli spunta macari pi tia
Isili s’occhi a cu ti Criò
Iddu ti runa a fozza ma u restu mettaccillu tu
Nu’ mannari chiù se voi vai
Senti ‘u vespru sona pi tia!


2-Sveglia per noi

Sicilia alzati!
Non vedi che tutti ti calpestano?
Alzati!
Alza le tue ginocchia!
Dov’è il coraggio antico dei tuoi
uomini?
Quanto ancora devi so# rire per
rivedere la luce?
Non sarà che il sangue si annacquò
per la pancia piena di tanti?
Quando arriverà il terzo giorno?
Quante volte devi morire?
Lo vuoi togliere quel teschio
dall’angolo?
Stendi le tue braccia ma per
arrabbiarti!
Lo sai che il sazio non crede chi è
digiuno?
Il bel mare lo vendesti per denaro,
per bisogno vendesti l’onore,
col cemento devastasti la terra,
nemmeno gli uccelli cantano
ormai.
Alza le ginocchia!
Ricorda che il sole sorge anche
per te.
Alza gli occhi verso il Creatore.
Lui ti dà la forza ma il resto
mettilo tu!
Non delegare altri, se vuoi
ottenere vai!
Senti il Vespro suona per te!
Torna ai contenuti