blog Antonio Randazzo - https://www.antoniorandazzo.it/

Antonio Randazzo da Siracusa con amore
chiama ora
Ho amato ed amo la vita mio Signore, non temo il tramonto, spero nell'aurora mattutina inizio di una nuova era
ricordare il passato, vivere il presente e progettare il futuro
ricordare il passato, vivere il presente e progettare il futuro
Ho amato ed amo la vita mio Signore, non temo il tramonto, spero nell'aurora mattutina inizio di una nuova era
Vai ai contenuti

vita da miracolato

https://www.antoniorandazzo.it/
4 Aprile 2022
Primo episodio:
Pur avendo frequentato la parrocchia dell’immacolata mai avevo avuto un buon rapporto con la religione e mai mi ero posto domande in merito ed anzi, negli anni successivi, pur battezzato e ricevuto a prima comunione, non credevo e non avevo una buona opinione dei preti almeno fino al 1980 quando morì mia suocera, ma questa è un’altra storia.
Oggi, alla luce delle esperienze maturate, esaminando ricordi ed episodi della ma vita, ritengo che questi furono miracoli o fatti che vanno oltre la mia comprensione umana.
Nel 1948 avevo 8 anni ed abitavo con i miei genitori in una casa al civico 28 di via Gargallo a Siracusa.
Eravamo appena usciti dalla guerra e certo anche a causa delle precarie condizioni di igiene e forse, ma soprattutto, per colpa delle mie insalate di finocchio non lavato adeguatamente, mi ammalai di tifo con febbre altissima che mi costrinse a letto per oltre 40 giorni.
Ricordo che mia madre chiamò diversi medici per cercare di curarmi senza alcun risultato.
Finalmente chiamò a visitarmi il dottor Cassone, allora abitante in via delle Maestranze che, giunto con la sua solita carrozza, immediatamente capì quale era la malattia e ordinò subito punture di siero, vitamine e mangiare a volontà, cura che finalmente, dopo giorni e giorni di febbre altissima, riuscì a fermare l’infezione.
Dopo oltre 40 giorni di decenza a letto, ormai spossato e senza forza, aiutato da mia madre e da mia cognata Maria, allora fidanzata di mio fratello Giuseppe, provai a scendere dal letto e, poggiati i piedi per terra con le gambe che non mi reggevano, a peso morto stavo cadendo per terra sorretto, meno male dai miei congiunti. Oggi sono qui a raccontare e ritengo che fu il primo miracolo con l’intervento di Colui che da Lassù ha sempre vegliato su di me.
Non ricordo altri episodi riconducibili a interventi dall’Alto che certo ci furono, ma è certo che la mano di Dio è stata sempre su di me.
Il secondo episodio accadde nel 1961 ma lo racconterò in seguito.



Non sono presenti ancora recensioni.
0
0
0
0
0
E-mail: randazzoantoniosiracusa@gmail.com
via Agostino Scilla n.29
96100 Siracusa
Torna ai contenuti