Parisini Mirella - Siracusani

siracusani ieri oggi
siracusani ieri oggi
Vai ai contenuti
Mirella Parisini
Notizia di oggi 10 Gennaio 2021, è morta Mirella Parisini.
foto Salvo Trommino

tratta da Siracusa.it
 

Si è spenta Mirella Parisini, una delle prime giornaliste siracusane, volto storico e protagonista delle radio libere, della tv, (direttrice della testata giornalistica di Video Siracusa), e del teatro, cronista del nuoto negli anni ’70 e dirigente di società sportive.
Nota per la sua eleganza nella conduzione, è stata uno dei volti più amati in provincia e non solo.
Paolo Giansiracusa così la ricorda: Quanti ricordi, quante parole, quanta energia impiegata per dare corpo alla bellezza, alla giustizia, alla verità. Sei stata antesignana in tutto, innanzitutto come Donna, come Madre, come maestra di vita. Avevi una voce soave e le tue parole, dalle tv locali, aprivano il giorno con dolcezza. La tua dizione perfetta, il tuo fare garbato, la tua cortesia... ci hanno insegnato ad uscire dalla provincia buia per affacciarci al mondo ampio delle relazioni culturali, politiche, civili del Mediterraneo. Attrice , giornalista, regista, direttrice di testate giornalistiche... ma forse pochi sanno che, dopo gli studi classici, avevi anche studiato Medicina. Eri Donna raffinata e libera, senza inibizioni, Crocerossina modello, creatura dedita alla solidarietà e al sostegno dei più deboli. Ecologista, Ambientalista, Viaggiatrice curiosa e, prima di ogni cosa, cittadina autentica di Siracusa. Senza di te le Siracusane sarebbero oggi un passo indietro. Mi rende triste sapere che non ci sei più, che non potranno confortarmi le tue parole. In queste ore penso a Luciano, Alison, James, Claudio, a Carcassonne ... alla battaglia per far restaurare il Maniace e credo che la Città di Siracusa debba dedicarti una via , una strada del centro storico, forse lo stesso Vicolo IV alla Giudecca dove hai lasciato il tuo cuore. Condoglianze ai tuoi figlioli (Andrea e Novella) e ai tuoi nipoti. Mirella, ci vedremo ancora.

Nell’autunno del 1969, la concessione in comodato d’uso del Vecchio Tribunale passò di mano e divenne sede del Teatro d’Arte diretto da Renzo Monteforte.                                   
In questa unica sede teatrale siracusana del momento, riadattata e ristrutturata, la prima stagione del Teatro d’Arte vide in scena, per le regie di Monteforte: “La Regina e gli insorti “ di Ugo Betti (con: Aldo Spitaleri, Bibi Bruschi, Mirella Parisini e Cesare Politi) e  “Il Re muore” di E. Jonesco ( con: Aldo Spitaleri, Bibi Bruschi, Cesare Politi, Mary Accolla e Nino Fazzina ).

Torna ai contenuti