Manca Giuseppe - CASFirenze59corso

Vai ai contenuti

Menu principale:

Manca Giuseppe

IERI ALLIEVI OGGI ......



UN QUADRO NELLA MENTE di Giuseppe Manca

(dedicato a Francesco Memoli)

Io guardo alla Vita come fosse ‘na montagna;
chi vo’ ariva’ dov’è la vetta, deve scala’.
E’ tosta, nun e’ gioco, e mica è ‘na cuccagna
dove chi nun riesce ar massimo po’ solo scivola’
Finisce er gioco e sale ‘n’artro appresso a te,
magari je va bene e je fanno i complimenti,
se illude da esse forte ma poi s’accorge che
finito er giochetto ce so’ l’artri adempimenti.
scalando ‘n sacco de gradini, a poco a poco,
Invece, chi nun gioca e nella vita s’è impegnato
pe’ migliora’ se stesso, a tanto ha rinunciato
aiutato da tutta la famiglia nel suo gioco.
“Chi semina vento raccoje la tempesta”;
lo dice anche ‘n proverbio, quindi è verità,
ma se ha seminato bene è certo che je resta
de raccoje tanti frutti e tutti da mostra’.
Tu hai seminato bene, e nun se po’ nega’.
Solo co’ la forza e la costanza ce sei riuscito,
hai pennellato ‘n quadro tanto bello da guarda’,
pieno de colori, da ‘na bella cornice rifinito.
Io questo quadro lo appendo alla mia mente
e nun lo stacco mai da lì, lo dico pe’ davero,
so quanto hai combattuto, e sempre da vincente,
perciò te stimo tanto e t’apprezzo da sincero.
Quarcuno, scalata la montagna se sdraia sulla cima,
poi comincia a scende, ma tanto affaticato,
invece te, senza ‘na sosta e co’ tigna più de prima
a ogni artra arrampicata eri sempre più ‘ncazzato.
Te auguro de core, da amico, come fratello,
d’ave’ quello che cerchi, seppure fai fatica,
e come hai fatto sempre, de costruì ‘n castello
dove signora Fortuna te sia sempre amica
Io che posso dì? Se credi che te serve, chiedi aiuto;.
potrò fa poco si, però farei de tutto, t‘assicuro,
così sarei felice d’ave’ dato ‘n contributo
a ‘n caro e grande amico mio, te lo giuro.
Me metto sull‘attenti e saluto un po’ commosso,
perché co’ la capoccia ritorno sempre là:
col filetto d’oro e gli Alamari sempre addosso
e la Fiamma che dalla fronte nun se po’ leva’.
E mo’, pensando a certe grandi ricorrenze
lavori tanto senza sosta pe’ facce rincontra’
in un Raduno nella nostra Scuola di Firenze
‘ndove fra le lacrime ce potremo riabbraccia’.
Finisco co’ ‘na cosa che nun posso trascura’:
col cuore te ringrazio pe’ esse amico mio,
grazie per tutto quello che stai a prepara’,
e poi pe’ tutto quanto dico un grazie a Dio.
Pino

Manca Giuseppe pittore ritrattista
Manca Giuseppe opere varie
 
Torna ai contenuti | Torna al menu