Palazzo Poste - palazzi di pregio

Vai ai contenuti

Menu principale:

Palazzo Poste

EDIFICIO POSTALE

palazzo delle Poste e Telegrafi a Siracusa (1920-1929)

cerimonia per la posa della prima pietra del Palazzo delle poste da parte del Re Vittorio Emanuele III,a sinistra del re l'allora sindaco socialista Eduardo Di Giovanni


venne progettato da Francesco Fichera

http://www.treccani.it/enciclopedia/francesco-fichera_%28Dizionario-Biografico%29/


autore delle opere di scultura Carmelo Florio scultore  

http://www.galleriaroma.it/Bonaiuto/5/Florio%20carmelo.htm



Il palazzo delle Poste e Telegrafi a Catania, progettato nel1919 e ultimato nel 1929, aprì la serie dei progetti di grandi attrezzature pubbliche che impegnò il F. nei tre decenni successivi. La tipologia messa a punto, e più volte ripresa, era quella di un edificio a corte interna, formato in pianta da due anelli concentrici, di cui quello esterno era accessibile al pubblico, mentre quello interno era occupato dagli uffici che si aprivano sulla corte. Il medesimo schema funzionale venne ripetuto nel progetto per il palazzo delle Poste e Telegrafi a Siracusa (1920-1929).


Commento Alba Chiara
Il suolo ove sorse il palazzo delle Poste , esteso mq 1496,24, venne donato dal Comune di Siracusa con atto in data 19 ottobre 1922. Lo stesso suolo, come si legge nel regio decreto del 7 luglio 1923 n. 1438 di autorizzazione all’accettazione della donazione, confinava con il secondo braccio della darsena; ovvero con la porzione di suolo compreso tra la banchina e il fabbricato della casa di salute del dott. Piccone (forse Piccione ?).

palazzo delle Poste e Telegrafi a Siracusa (1920-1929).
In questo caso è evidente come il Fichera cerchi di far aderire temi classici alla concezione moderna del palazzo postale. L'esterno, rivestito in pietra calcarea locale, esprime un'aura di monumentalità enfatizzata dalle due torri angolari, ove sono contenuti gli ingressi; l'interno, reso nobile dall'uso degli ordini architettonici negli ambienti di collegamento, ossia atri e corridoi, mantiene un aristocratico spirito classico nei particolari decorativi, quali i frammenti antichi inseriti nelle murature

retro foto postata da Michelangelo Blanco



cerimonia inaugurazione


in costruzione







 
Torna ai contenuti | Torna al menu