Randone Salvo - Siracusani

Vai ai contenuti

Menu principale:

Randone Salvo

R-siracusani

Salvatore Randone, detto Salvo (Siracusa, 25 settembre 1906 – Roma, 6 marzo 1991)

atto di nascita documentazione Marisa Pappalardo


 
 


Lapide a Salvo Randone in via Alagona Siracusa
( targa realizzata su progetto di Viviana Pipitone)



In questa casa nacque
il 25 Settembre 1906
SALVO RANDONE
grande protagonista
del teatro italiano

la Citta' di Siracusa
la Fondazione INDA
L'associazione Amici dell'INDA
nel centenario della nascita


DA WIKIPEDIA

Salvatore Randone, detto Salvo (Siracusa, 25 settembre 1906 – Roma, 6 marzo 1991), è stato un attore italiano. Nel 1970 ha sposato l'attrice Neda Naldi.
Biografia artistica
Sulle scene dal 1926, s'impose negli anni quaranta recitando Il lutto s'addice a Elettra di O'Neill.
Attore inquieto e sanguigno, ha impersonato tra l'altro con memorabili risultati Iago e Timone d'Atene, Malvolio ed Edipo, Filottete e Oreste ed è stato soprattutto uno straordinario interprete dei più torbidi drammi di Betti e del teatro di Pirandello (Enrico IV, Il piacere dell'onestà, Tutto per bene).
Ha sempre alternato la conduzione di una propria compagnia a occasionali partecipazioni in teatri stabili e in spettacoli d'eccezione.
Si è affermato anche tra i più forti caratteristi di cinema grazie a Elio Petri, che gli affidò ruoli di primo piano in L'assassino (1961) e I giorni contati (1962) e incisive apparizioni, da La decima vittima (1965) a La proprietà non è più un furto (1973).
Tra i film diretti da altri registi, spiccano Salvatore Giuliano e Le mani sulla città (entrambi di Francesco Rosi), Il processo di Verona di Carlo Lizzani e La parmigiana di Antonio Pietrangeli, l'episodio Toby Dammit in Tre passi nel delirio e il Fellini Satyricon (entrambi di Federico Fellini), La colonna infame di Nelo Risi.

Filmografia

Randone a diciotto anni, nel periodo in cui studiava recitazione alla Filodrammatica del Circolo Artistico a Catania
Sant'Elena, piccola isola, regia di Umberto Scarpelli e Renato Simoni (1943)
Cuore, regia di Duilio Coletti (1948)
Una lettera all'Alba, regia di Giorgio Bianchi (1948)
Il bigamo, regia di Luciano Emmer (1956)
Vento del sud, regia di Enzo Provenzale (1959)
Il re di Poggioreale, regia di Duilio Coletti (1961)
L'assassino, regia di Elio Petri (1961)
I Masnadieri, regia di Mario Bonnard (1961)
I giorni contati, regia di Elio Petri (1962)
Salvatore Giuliano, regia di Francesco Rosi (1962)
Anni ruggenti, regia di Luigi Zampa (1962)
Cronaca familiare, regia di Valerio Zurlini (1962)
La parmigiana, regia di Antonio Pietrangeli (1963)
Un marito in condominio, regia di Angelo Dorigo (1963)
Il criminale, regia di Marcello Baldi (1963)
Il processo di Verona, regia di Carlo Lizzani (1963)
Le mani sulla città, regia di Francesco Rosi (1963)
Danza macabra, regia di Antonio Margheriti (1964)
La donna del lago, regia di Luigi Bazzoni e Franco Rossellini (1965)
Il magnifico cornuto, regia di Antonio Pietrangeli (1965)
La decima vittima, regia di Elio Petri (1965)
La fabbrica dei soldi, regia di Jean-Claude Roy (1966)
Io, io, io... e gli altri, regia di Alessandro Blasetti (1966)
A ciascuno il suo, regia di Elio Petri (1967)
I diamanti che nessuno voleva rubare, regia di Gino Mangini (1968)
Tre passi nel delirio - episodio Toby Dammit, regia di Federico Fellini (1968)
L'età del malessere, regia di Giuliano Biagetti (1968)
Gli intoccabili, regia di Giuliano Montaldo (1968)
Fellini Satyricon, regia di Federico Fellini (1969)
Indagine su un cittadino al di sopra di ogni sospetto, regia di Elio Petri (1970)
Ninì Tirabusciò, la donna che inventò la mossa, regia di Marcello Fondato (1970)
Stress, regia di Corrado Prisco (1971)
Cose di Cosa Nostra, regia di Steno (1971)
Il prete sposato, regia di Marco Vicario (1971)
La classe operaia va in paradiso, regia di Elio Petri (1971)
Imputazione di omicidio per uno studente, regia di Mauro Bolognini (1972)
La colonna infame, regia di Nelo Risi (1972)
La Calandria, regia di Pasquale Festa Campanile (1972)
La prima notte di quiete, regia di Valerio Zurlini (1972)
Mio caro assassino, regia di Tonino Valerii (1972)
Il caso Pisciotta, regia di Eriprando Visconti (1972)
La proprietà non è più un furto, regia di Elio Petri (1973)
Il poliziotto è marcio, regia di Fernando Di Leo (1974)
In nome del Papa Re, regia di Luigi Magni (1977)
Prosa teatrale]
Elettra, di Sofocle, con Lia Angeleri, Marcello Bertini, Lilla Brignone, Antonio Crast, Mario Feliciani, Giovanna Galletti, Vittoria Martello, Salvo Randone, Giancarlo Sbragia, regia di Giorgio Strehler, prima al Teatro Olimpico di Vicenza, il 7 settembre 1951.
La fastidiosa , di Franco Brusati, con Salvo Randone, Neda Naldi, Antonio Pierfederici, Giuliana Lojodice, Giusi Raspani Dandolo, Mario Chiocchio, Roberto Bruni, Bruna Cealti, regia di Josè Quaglio, stagione teatrale 1965 1966.
Otello, di William Shakespeare, con Vittorio Gassman, in cui i due attori si alternavano nelle parti di Otello e Iago (1956).
Prosa radiofonica RAI
Angeli e colori, radiodramma di Carlo Linati, con Salvo Randone, Angelo Calabrese, Nino Manfredi, Franco Becci, Giovanni Cimara, Renato Cominetti, Nella Maria Bonora, Massimo Turci, Anna Maestri, regia di Pietro Masserano Taricco, 6 maggio 1950, rete azzurra, ore 21,55.
Ceneri, di Samuel Beckett.
Prosa televisiva
RAI
I fratelli Karamàzov, sceneggiato televisivo, regia di Sandro Bolchi (1969)
Tom Jones, di Henry Fielding, con Pino Colizzi, Elisa Cegani, Franco Parenti, Carlo Giuffrè, Roldano Lupi, Davide Montemurri, Clara Calamai, Tino Bianchi, Salvo Randone, Emma Danieli, Lia Zoppelli, Sandra Mondaini, regia di Eros Macchi, sceneggiato di 6 puntate dal 29 maggio 1960 al 3 luglio 1960.
Premi 1958: Vincitore del Premio San Genesio come miglior attore teatrale dell'anno per l'opera Assassinio nella cattedrale
1962: Vincitore del Nastro d'argento come Attore non protagonista per il film L'assassino
1972: Vincitore del Nastro d'argento come Attore non protagonista per il film La classe operaia va in Paradiso
Bibliografia]
Gli attori, Gremese editore Roma 2002
Il Radiocorriere, annate varie
Dépliant teatrali vari


 
Torna ai contenuti | Torna al menu