Tuccitto Carmelo - Siracusani

Vai ai contenuti

Menu principale:

Tuccitto Carmelo

T-siracusani

Carmelo Tuccitto


giornalista-pubblicista, è nato a Siracusa, deceduto,per 35 anni, ha insegnato prima Storia e Filosofìa e dopo Lettere nelle scuole statali. Direttore responsabile di Ethnos, periodico di etnologia, collabora a I Siracusani bimestrale di arte, cultura, storia e ad altre riviste culturali con saggi di critica letteraria e d'arte. Per 20 anni ha curalo la Paginatrè del settimanale Cammino.
È intensa la sua attività di conferenziere presso club e associazioni culturali della città e della provincia di Siracusa.
Ha pubblicato nel 1991 per Istina Editrice Siracusa Sotto il cielo d'Ortigia; nel 1995 per Alfa Edizioni Siracusa Vicoli Aperti, due raccolte di racconti adottate come testi di narrativa nelle scuole statali; nel 1995, sempre per Istina Editrice Siracusa, il romanzo Un Ecceomo; nel 1999 per Maura Morrone Editore il saggio Del parlare Siracusano-, nel 2001 per la stessa casa editrice Com'eravamo: lingua, tradizioni e personaggi siracusani di 50 anni fa; nel 2002 per Maura Morrone Editore Siracusanerie che conclude la trilogia sull'idioma aretuseo. Con Pirchì si dici accussi del 2005, per Morrone Editore Siracusa, Carmelo Tuccitto passa dall'etimologia della parola all'origine dei proverbi e dei modi di dire dialettali. In Quann'erumu nnichi, un saggio narrativo del 2006, l'autore racconta gli anni della sua infanzia attraverso i giochi, le canzonature, i cunti, i detti, le filastrocche e i gabbi in voga nella Siracusa della prima metà del secolo scorso. Del 2008 è il saggio su Santa Lucia nella paremiologia dialettale siciliana.
Con quest'ultima opera, Palori a tinchitè, continua la ricerca etimologica e paremiologica sul nostro dialetto.
Suoi racconti sono inseriti in diverse antologie del Novecento.
Per il teatro nel 1996 ha scritto Basta volerlo.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu